Dott. Nicola Sorrentino

Specialista in Scienza dell'Alimentazione e Dietetica

Frutta e verdura per depurarsi

I consigli del nutrizionista a Tgcom

Tratto da TGcom24 articolo del 28/4/2005
    

Chi di noi non ha ceduto a qualche peccato di gola nel periodo pasquale? Dopo i pranzi in compagnia, le uova di cioccolato, la colomba e mille altre prelibatezze, e' imperativo rimettersi un po' in carreggiata. Le temperature piu' miti ci ricordano che la stagione avanza e che tra poco il guardaroba estivo ci costringera' a un confronto... con la bilancia. Per questo Tgcom ha chiesto consiglio a un esperto, il professor Nicola Sorrentino, specialista in Scienze dell'alimentazione e dietetica, e docente di Igiene nutrizionale e crenoterapia presso la Scuola di specializzazione di idrologia medica dell'Universita' di Pavia.

Professor Sorrentino, come ci si puo' disintossicare dopo gli stravizi alimentari del periodo di Pasqua?
"La verdura e la frutta sono gli alimenti base per depurarsi e insieme per conservare l'energia, soprattutto nel periodo primaverile in cui il cambio di stagione ci fa sentire particolarmente affaticati. La verdura e la frutta contengono infatti acqua e fibre vegetali che puliscono l'intestino e regolano la digestione, e sono ricche di vitamine e sali che accentuano il potere disintossicante. Le verdure, soprattutto quelle a foglia verde, contengono poi un elemento prezioso, la clorofilla, vera linfa vitale. Per questo l'abitudine che molti hanno di scartare le foglie piu' esterne e' un errore: le parti interne ci appaiono piu' tenere e sono di colore piu' chiaro, ma sono meno ricche di clorofilla. L'unica accortezza da utilizzare con le foglie esterne e' lavarle con cura". 

Quel e' il miglior metodo di cottura per le verdure? 
"La cottura ideale e' al vapore e nel forno a microonde, ma se si sceglie la bollitura, bisogna avere l'accortezza di non buttare l'acqua di cottura: molte sostanze contenute nella verdura sono infatti passate nell'acqua, che si puo' utilizzare per farne dei consomme' o delle minestre mineralizzate (ad esempio, aggiungendo altre verdure puo' servire nel minestrone o per cuocere un risotto)". 

Qualche consiglio per scegliere la frutta?
"La frutta di stagione e' tutta salutare, me e' bene preferire quella di casa nostra e non quella proveniete da paesi lontani perche' i tempi di trasporto le fanno perdere freschezza".

Come fare per mantenersi energici oltre che recuperare la forma?
"Un'ottima fonte di energia sono i legumi freschi: piselli, fave e fagioli. Bene anche ceci, lenticchie, crescione ed erba medica per le loro proprieta' nutrienti. E' bene abituarsi a utilizzare anche i germogli che hanno un elevato potere disintossicante. Si trovano dal fruttivendolo, come radichette, semi generativi e piantine, da consumare da soli o mescolati alle altre verdure".

E per finire, ci consigli un regime alimentare disintossicante di una settimana
"Per far riprendere fiato a stomaco, intestino, fegato, reni e smaltire tossine, occorre evitare gli alimenti che appesantiscono, anche senza rinunciare alle gioie della tavola. Per cui per sette giorni eliminiamo alcol e grassi animali: burro, pancetta, panna, salumi, fritti. Rinunciamo anche a formaggi, uova e carni. 
Diciamo si invece al pesce e allo yogurt magro, che da' il giusto apporto di calcio, e si anche a pane e pasta, meglio se integrali, che forniscono gli zuccheri complessi. Per condire vanno bene 4 cucchiaini al giorno di olio extravergine di oliva crudo. Abbinare poi un'attivita' fisica: chi fa sport abitualmente continui la sua attivita' consueta: gli altri ci concedano almeno una passeggiata di mezz'ora al giorno. Il regime deve durare sette giorni, nei quali ci si disintossica e si perde circa una taglia. Chi e' in buona salute puo' seguirlo senz'altro, mentre chi ha qualche problema fisico chieda prima consiglio al medico curante. Al termine della settimana si riprende l'alimentazione consueta".